SULLA QUESTIONE PIROLISI QUALCOSA SI MUOVE

                                                            […]

                                                                            

Finalmente qualcosa si muove.

È di questi giorni la notizia di una Richiesta d’Offerta (RdO), cioè un’asta al ribasso, per individuare un tecnico appropriato per seguire la Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA), relativa al progetto dell’impianto di pirolisi, qui a Cernusco sul Naviglio.

Ma andiamo con ordine.

L’impianto di pirolisi è un impianto di trattamento dei rifiuti che procede a una decomposizione termochimica, in assenza di ossigeno, con produzione di gas di sintesi e di oli combustibili di poco pregio, le cui composizioni variano in funzione dei materiali in ingresso. Dal punto di vista delle emissioni in atmosfera, un impianto di pirolisi è soggetto alla stessa normativa di un inceneritore. Lo scorso 01/08/2017 è stata avviata la procedura di verifica di assoggettabilità a Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) del progetto di un impianto di pirolisi a Cernusco sul Naviglio, in via Firenze. Noi del M5S abbiamo denunciato il progetto di costruzione di questo impianto già nello scorso settembre: all’epoca, in seguito al nostro comunicato, siamo stati ignorati e perfino derisi, come se fossimo dediti alla caccia alle streghe. Sebbene la nostra denuncia non avesse sortito l’effetto sperato, abbiamo proseguito la nostra battaglia, con interrogazioni a livello comunale, regionale e perfino parlamentare e abbiamo pubblicato nuovi comunicati, volti a sottolineare, tra l’altro, la passività della nostra attuale amministrazione comunale di fronte all’iter di realizzazione di questo impianto.

Finalmente, a valle dei nostri interventi che hanno smosso le acque, sollecitando l’interesse dell’opinione pubblica e pungolando l’Amministrazione comunale, il Comune di Cernusco, di concerto con gli altri Comuni impattati dalla realizzazione dell’impianto (Cassina de Pecchi, Vignate, Vimodrone e Rodano) si è mosso: ha bandito un’apposita RdO, volta a individuare un tecnico che seguirà la VIA del progetto di questo impianto, al fine, si spera, di verificarne la sicurezza e di tutelare la nostra salute, oltre al rispetto dell’ambiente. Noi auspichiamo che il Comune di Cernusco, che è capofila in questa richiesta d’offerta, vigilerà attentamente sulla scelta dell’ingegnere che seguirà questa VIA, affinché siano evitate possibili infiltrazioni da parte di soggetti non super partes.

È di questi giorni anche la notizia di un evento, a carattere locale, a Pioltello, per sensibilizzare l’opinione pubblica di fronte a questa problematica.

Noi del M5S siamo stati invitati  dai comitati cittadini a non farne parte, per mantenere il tutto al di fuori della campagna elettorale, in un contesto totalmente apolitico. In realtà, l’evento conta, tra i suoi relatori, Giorgio Fallini, ex assessore della giunta PD di Pioltello: pertanto il dubbio che sorge è che, più che mirare a sensibilizzare l’opinione pubblica, si voglia invece cavalcare l’onda del malcontento e della preoccupazione generale, con chiari intenti opportunistici di campagna elettorale. Noi non ci abbassiamo a simili mezzucci: l’importante, dopotutto, è che dell’impianto di pirolisi se ne parli. La gente deve sapere: tutto il resto, poco conta.

Siamo perciò soddisfatti che, finalmente, a distanza di cinque mesi, riusciamo a raccogliere i frutti della nostra battaglia, ovvero l’attenzione da parte delle Amministrazioni pubbliche e della cittadinanza, per osteggiare la realizzazione di questo impianto: fa solo una certa amarezza rilevare il tempismo con cui questi risultati vengano palesati, in un momento così delicato come quello dei giorni appena antecedenti le elezioni.

This Post Has Been Viewed 338 Times